Campagna  Distanti ma Uniti realizzata dalla onlus Hope Running a seguito dell'emergenza Covid-19. Sport come divertimento, sport come inclusione sociale

Sport come divertimento, ma anche sport come inclusione sociale

Sono questi i valori dello sport “inclusivo” che la onlus Hope Running porta avanti dal 2018, anno della sua fondazione.

Fortemente voluta dal suo presidente Giovanni Mirabella, ha lo scopo di avvicinare le persone con disabilità e tutte le fasce deboli all’attività sportiva.

Lo facciamo perché pensiamo che lo sport debba essere divertimento, che faccia vivere dei bei momenti diversi dalla routine di tutti i giorni” dichiara Giovanni Mirabella.

Non a caso, Hope Running, tradotto in italiano, significa “speranza in movimento“.

Tutto è nato da una mia esperienza personale. Volevo esaudire un desiderio, quello di consentire a mia sorella Nancy, che da tre anni combatte contro la Sclerosi Multipla, di continuare a correre e a praticare sport“. Il loro desiderio è diventato poi, quello di tante altre persone affette da disabilità o semplicemente  fragili. 

In pochissimo tempo, Hope Running è infatti riuscita a riunire quasi un centinaio di amici

Oggi la nostra mission è quella di “accompagnare’ prestando gambe e cuore a chi non può correre in autonomia. Noi non siamo atleti e non vogliamo raggiungere il traguardo per arrivare primi. Con i nostri eventi raccogliamo fondi da destinare all’acquisto di handbike, cercando anche di abbattere quei pregiudizi secondo cui, molto spesso, chi è disabile viene considerato diverso. Vogliamo condividere i nostri sorrisi, le nostre emozioni, i nostri sogni con chi tutti i giorni combatte la propria personale battaglia contro la disabilità. Noi ci mettiamo le gambe, i polmoni e gli ausili sportivi necessari, insieme raggiungeremo il traguardo più importante, l’inclusione“. 

Da qualche mese, Hope Running ha aggiunto un tassello ai propri obiettivi fondando il Trail delle Colline, una gara podistica non competitiva aperta a tutti con lo scopo di unire le persone, di valorizzare il territorio della collina chivassese e diffondere la cultura della sostenibilità ambientale.

Hope Running promuove anche l’aiuto reciproco ed è per questo che collabora con la Croce Rossa – Comitato di Chivasso del presidente Bruno Borsano.

Durante l’attuale pandemia per il Covid-19, Hope Running si è impegnata con la campagna “Insieme anche nell’emergenza” a dare un aiuto concreto all’ospedale di Chivasso fornendo dispositivi di sicurezza ed alla famiglie insieme alla Lilt di Torino di Donatella Tubino e agli Amici dei Vigili del Fuoco Volontari Onlus di Davide Avanzato

Non solo la sanità locale aveva però bisogno di aiuto

Ci siamo resi conto che non erano solamente gli operatori sanitari a soffrire delle carenze, ma c’era un’altra grande realtà fragile, quella degli anziani e delle famiglie bisognose.  Per questo motivo abbiamo deciso che la donazione che Amazon generosamente ha deciso di devolverci, sarà utilizzata per acquistare generi di prima necessità per anziani e famiglie bisognose che ci verranno segnate dagli enti presenti sul territorio“. 

La prima uscita della onlus Hope Running asd alla Stramandriamo 2018 di Chivasso. Sport come divertimento, sport come inclusione sociale
Commenti