A Chivasso il secondo evento formativo del progetto “ISI – IO SONO L’ALTRO

A Chivasso il secondo evento formativo del progetto “ISI – IO SONO L’ALTRO

La Asd Hope Running Onlus ha ospitato sabato 19 novembre il seminario condotto dal dottor Alessandro De Lucia in cui si è parlato di biomeccanica e sport integrato

Sabato 19 novembre la Asd Hope Running Onlus ha ospitato nella sua accogliente sede di corso Galileo Ferraris 60 a Chivasso il secondo appuntamento di ISI – Io Sono l’Altro, il progetto targato CSEN Piemonte, cofinanziato dalla Regione Piemonte e incentrato sull’integrazione attraverso lo sport.

Ad inizio mese, presso il Salone Polivalente di Castiglione Torinese, il progetto è iniziato con il primo evento formativo, in cui la dottoressa Daria Fera, psicologa dello sport, ha affrontato il tema dell’inclusione e della disabilità. A Chivasso, due settimane più tardi, il dottor Alessandro De Lucia, osteopata e chinesiologo clinico, ha condotto il secondo seminario formativo, nel quale si è parlato di biomeccanica tra anatomia ed attività motoria, con un occhio di riguardo ai benefici ed alle criticità nello sport integrato.

Questi incontri, sempre apprezzati da tutti i partecipanti, se da un lato forniscono competenze e spunti di riflessione, dall’altro rappresentano delle occasioni importanti di confronto, perché nell’ambito dell’integrazione attraverso lo sport gli obiettivi da raggiungere sono tanti e, soprattutto, ambiziosi.

Questo sito utilizza Biancoenero®, una font italiana ad Alta Leggibilità.

 

Un giocattolo in dono

Un giocattolo in dono

LA HOPE RUNNING ONLUS TORNA A PROPORRE LA BELLA INIZIATIVA “UN GIOCATTOLO IN DONO”

In vista del Natale verranno raccolti giocattoli, peluche e libri nuovi e usati destinati ai bambini e alle bambine della Case Famiglia del territorio

A distanza di 3 anni, la Asd Hope Running Onlus di Chivasso propone nuovamente l’iniziativa “Un giocattolo in dono”. Si tratta della raccolta di giocattoli, peluche e libri nuovi e usati destinati ai bambini e alle bambine delle Case Famiglia del territorio.

Nel 2019, furono oltre un migliaio i giocattoli prima raccolti e poi donati ad alcune Aziende Sanitarie Locali, per essere distribuiti ai bambini ricoverati nei reparti nel periodo pre-natalizio. Un successo clamoroso, destinato ad essere bissato grazie alla generosità di famiglie, associazioni, negozi e scuole del territorio.

L’intento della Asd Hope Running Onlus è regalare qualche momento di gioia e spensieratezza a chi è meno fortunato: proprio per questo, l’augurio è che nasca una vera e propria gara di solidarietà, in grado di scaldare il cuore di bambini e bambine che si meritano di vivere attimi e momenti di spensieratezza.

Questo l’appello del presidente della Asd Hope Running Onlus, Giovanni Mirabella: “Speriamo con questa iniziativa di dare un sorriso a tutti i bambini e alle bambine che ne hanno bisogno. Dopo l’emergenza dovuta alla pandemia, abbiamo fortemente voluto riproporre “Un giocattolo in dono” e siamo sicuri che la comunità chivassese risponderà alla grande. Lo scopo istituzionale della nostra associazione è quello di creare inclusione di sogni, di aspettative, di vite che magicamente si intrecciano per dare speranza ai destini di tutti, soprattutto dei più fragili. E’ per questo che continuiamo a crederci e non perdiamo la speranza, perché sappiamo che solo insieme si vince, sempre”.

Questo sito utilizza Biancoenero®, una font italiana ad Alta Leggibilità.

La Hope Running Onlus nel comitato scientifico del progetto “ISI – IO SONO L’ALTRO”

LA HOPE RUNNING ONLUS NEL COMITATO SCIENTIFICO DEL PROGETTO “ISI – IO SONO L’ALTRO”

Il presidente dell’Asd Hope Running Onlus è tra i dieci esperti che hanno aderito al nuovo progetto targato CSEN Piemonte e rivolto all’integrazione attraverso lo sport

Inserimento, Sostegno e Integrazione, sono le parole d’ordine di ISI – Io Sono l’Altro, il nuovo progetto targato CSEN Piemonte e cofinanziato dalla Regione Piemonte.

Queste sono tematiche da sempre molto care alla Asd Hope Running Onlus, in particolar modo al suo presidente Giovanni Mirabella, legato da un profondo rapporto di stima, condivisione di valori e amicizia a Gianluca Carcangiu, presidente del Comitato Regionale Piemonte dello CSEN. Mirabella è tra i componenti del Comitato Scientifico costituito per la strutturazione del manuale “Io Sono l’Altro”, che si è riunito la scorsa settimana per porre le basi del lavoro.

Un gruppo straordinario di dieci esperti ha dato vita a molti spunti innovativi, viaggiando fra sperimentazione ed innovazione nell’ambito dell’integrazione attraverso lo sport.

Nell’occasione si è parlato soprattutto di sport integrato e delle principali azioni da compiere, come la creazione di un manuale di lavoro “Io Sono L’altro” contenente esercizi sportivi per l’integrazione, appunto, l’attivazione di un corso di formazione per “Operatore sportivo per l’integrazione sociale”, lo svolgimento dei laboratori esperienziali nelle scuole secondarie di secondo grado e l’organizzazione delle iniziative pomeridiane, in cui gli operatori sportivi per l’integrazione sociale, insieme ai volontari e ai ragazzi ed alle ragazze delle scuole superiori accoglieranno i giovani del territorio, sperimentando le competenze acquisite e presentando loro le attività promosse nel manuale di formazione elaborato.

Un bellissimo progetto, che consolida l’unione di intenti tra CSEN Piemonte e Asd Hope Running Onlus, che sin dalla sua nascita, avvenuta nel 2018, diffonde valori come la solidarietà, l’inclusione e l’aiuto reciproco. La certezza è che tanto si può fare insieme nel campo dell’integrazione attraverso lo sport e che tante importanti pagine verranno presto scritte.

Mauro Trucano dona una sua opera alla ASD Hope Running Onlus

Mauro Trucano dona una sua opera alla ASD Hope Running Onlus

IL PITTORE MAURO TRUCANO DONA UN’OPERA D’ARTE ALL’ ASD HOPE RUNNING ONLUS

L’artista di origini canavesane ha consegnato il quadro realizzato in tecnica mista al presidente Giovanni Mirabella presso la Bottega d’Arte di Chivasso

Un quadro è come una chiave che può essere usata per aprire porte e cuori.

Lo sa bene Mauro Trucano, artista classe 1965 nato a Castellamonte e che attualmente risiede e lavora ad Avigliana. Il pittore di origini canavesane ha compiuto un grande gesto di generosità, regalando un’opera d’arte all’Asd Hope Running Onlus. La consegna è avvenuta nei giorni scorsi presso la Bottega d’Arte di via Torino 13 a Chivasso: presenti il padrone di casa Giampiero Varuzza e sua figlia Chiara, grandi amici di Trucano, il presidente dell’Asd Hope Running Onlus, Giovanni Mirabella, e l’artista piemontese, che nell’occasione ha autografato i multipli retouchè in tiratura limitata di quest’opera realizzata in tecnica mista appositamente per il sodalizio chivassese. A queste latitudini, lo sport come divertimento, ma anche e soprattutto inclusione sociale e sostenibilità ambientale, con l’intento di diffondere valori come la solidarietà, l’aiuto reciproco, il rispetto della natura, la valorizzazione e tutela delle risorse e delle bellezze del territorio. Venerdì 16 settembre, in occasione dell’aperitivo solidale serale “Aspettando il Trail delle Colline” organizzato presso la sede dell’Asd Hope Running Onlus di corso Galileo Ferraris 60, l’artista di Castellamonte sarà presente a Chivasso per incontrare i presenti e illustrare la sua opera, ma non solo: “Truk” darà vita ad un action painting e il pezzo unico prodotto sarà a disposizione per chi volesse portarselo a casa, previa donazione. Pittore dal 1995, Mauro Trucano è stato illustratore per diverse agenzie pubblicitarie, e pittoricamente ha collaborato a progetti editoriali, musicali, teatrali, di moda e design. Le sue opere pittoriche sono influenzate dalla passione quasi maniacale per la cultura metropolitana, il tutto elaborato con gestualità e forza cromatica. Ha esposto in Italia, Francia e Stati Uniti d’America e ha partecipato a KunStart 2010 di Bolzano e alla 54° edizione della Biennale di Venezia a cura di Vittorio Sgarbi. L’opera donata all’Asd Hope Running Onlus si può vedere e prenotare sia presso la sede di corso Galileo Ferraris 60 sia presso la Bottega d’Arte di via Torino 13, sempre a Chivasso, ed è disponibile in 150 copie. Il ricavato servirà a finanziare l’acquisto di un ecografo per la prevenzione dei tumori femminili, che verrà donato in beneficenza alla sezione di Torino della LILT (Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori). L’arte della condivisione è un passo importante nel percorso di costruzione di un progetto di solidarietà diffusa, capace di trattare la “diversità” umana come ricchezza. Perché, come recita il motto della stessa Asd Hope Running Onlus, “insieme si vince, sempre”.

Gli amici di Luigi Valle regalano una carrozzina alla Hope Running Onlus

GLI AMICI DI LUIGI “LUIS” VALLE REGALANO UNA CARROZZINA ALLA HOPE RUNNING ONLUS

Una sedia a rotelle in dono all’associazione chivassese presieduta da Giovanni Mirabella per ricordare una persona splendida

Nella mattinata di sabato 27 agosto la Hope Running Onlus di Chivasso, associazione che si occupa di promuovere la cultura dell’inclusione sociale e della “diversità” umana come ricchezza, ha ricevuto in dono una carrozzina. Il bellissimo gesto è stato compiuto dagli amici di Luigi Valle, imprenditore di Vische scomparso improvvisamente nell’aprile 2021 all’età di 62 anni. A consegnare la sedia a rotelle al presidente Giovanni Mirabella presso l’Ortopedia Mazzocchi di via Torino 140 ad Ivrea sono state Ines Luzza, Anna Bertolino e Valeria Gianotti, in rappresentanza del gruppo di amici del compianto “Luis”. Queste le loro parole: “Eravamo e siamo ancora molto legati al nostro amico, una persona splendida, che è sempre con noi. Dopo la sua scomparsa, al posto dei tradizionali fiori abbiamo deciso di raccogliere dei fondi e comprare una carrozzina, in modo da fare concretamente qualcosa per aiutare chi ha bisogno. Inizialmente abbiamo contattato l’Ospedale di Ivrea, ma l’iter burocratico non è mai giunto a compimento; così dopo più di un anno siamo stati messi in contatto con la Hope Running Onlus e siamo contenti di donare la sedia a rotelle a questa associazione nella speranza che questo nostro gesto sia da esempio per altre persone. Luigi ne sarebbe sicuramente felice”.