La “Hope” corre attraverso le gambe di un bambino

Testimonianza di Patrizia, atleta “SCOPA” del TdC – Trail delle Colline

Il 6 ottobre 2019 ha visto l’esordio della prima edizione del Trail delle Colline Chivassesi organizzato dalla Hope Running e dai Volontari VVF di Chivasso: tre tracciati di diversa difficoltà per far conoscere le peculiarità storico/naturalistiche del sentiero intitolato al socio CAI Pierangelo Berruti, alpinista ed escursionista. Il percorso, molto utilizzato in passato per evitare la strada provinciale, ha anche un valore storico in quanto custodiva la trincea militare dell’Assedio di Chivasso del 1705, e collega la città alla collina attraverso i boschi lungo un sentiero adeguatamente segnalato.

Mesi di progettazione, di preparazione, di organizzazione e di prove dei tracciati il tutto nel massimo rispetto dell’ambiente per rendere l’evento un vero successo. Un successo non in chiave di fama, popolarità, consensi e partecipazione, ma anche e soprattutto come realizzazione di un obiettivo di valore per la Hope Running: la raccolta fondi per sostenere le due Onlus

Tra i numerosissimi partecipanti anche molti atleti famosi e di rilievo, ma il concorrente che ha conquistato l’affetto di molti è stato il piccolo Aldo, nipote di Pierangelo Berruti. Con estremo orgoglio si è imbattuto, insieme ai genitori, nello stesso sentiero percorso prima di lui innumerevoli volte dallo zio e, proprio come lo zio Pierangelo, con la sua fermezza e la sua determinazione ad arrivare alla meta, ha trasmesso fiducia ed incitamento in tutti quelli che lo hanno incontrato durante il percorso. Gli occhioni dolci e fieri erano quasi in contrapposizione con l’espressione di tenacia sul suo visino, le goccioline di sudore sulla sua fronte a tratti parevano luccicare colpite dai flebili raggi di sole che filtravano attraverso le foglie multicolori degli alberi ormai in veste autunnale. Un bell’esempio di continuità, di aiuto verso gli altri e di educazione ai valori essenziali della vita.

Di nuovo HOPE: Hop! Hop! Hop! Come espressione di incitamento pronunciata durante le corse e Hope come speranza, quella che corre, marcia e si arrampica anche attraverso le gambe del futuro quelle di Aldo e di tutti quelli che hanno il coraggio di partire verso un traguardo, verso un obiettivo fatto di unione, di amicizia, di generosità e di altruismo al fine di raggiungere e portare felicità.

Noi non possiamo aiutare tutti, ma tutti sono in grado di aiutare qualcuno

Commenti

Rispondi